Quanto all’esordiente Thony, assolutamente digiuna di cinema, trovata su MySpace perché la ricerca si orientava su una protagonista femminile che fosse realmente una cantante, si può dire che sia stata una felice e coraggiosa intuizione di Paolo Virzì (che poi le ha affidato anche la colonna sonora del film, e così l’identificazione è totale). Si può dire che Virzì abbia chiesto a Thony di interpretare se’ stessa. Ha avuto parole cariche di stima anche per lei, sottolineando alla stampa quanto questa ragazza siciliana sia “di grande talento, spiritosa, capace di grande sorprese”. E in effetti il film scorre grazie a questa freschezza, genuina, intensa. Una bella sorpresa anche per l’affiatamento degli attori che danno vita a Guido e Antonia, funzionano sullo schermo con un’alchimia speciale. “Li abbiamo fatti incontrare”, ha proseguito a raccontare Virzì “è scattato qualcosa che abbiamo percepito, stavano bene insieme! Ci piacevano vicini, era proprio una bella impressione”. Una mossa azzeccata.

Annunci